Gente Corrotta

Della Gente Corrotta non se ne può parlare troppo. Per questa categoria è più quello che non devi, rispetto a ciò che devi dire. Perciò diremo e non diremo, o meglio diremo senza dire, per usare il loro linguaggio.
Dalla politica globale a quella locale, dall’industria all’artigianato, dal bosco alla riviera, la Gente Corrotta è davvero bene e subdolamente inserita in società e spesso si maschera dietro falsi sorrisi a 35000 denti (marci).

gente corrotta

Illustrazione: Diego Dari

Come un abile venditore fa grandi promesse sul prodotto che propone, sempre che tu sia pronto a comprarle a suon di strofinamenti di lingua.

La Gente Corrotta è quella delle raccomandazioni, quella che la meritocrazia è roba da film, quella che ha fatto un favore a quello ed è amica dell’altro; quella che non puoi scrivere questo, non puoi pubblicare quest’altro, quella che è meglio i puntini di sospensione che i punti esclamativi.

Quella che se una mano è stata data, per forza deve ridare. E’ una ragnatela senza ragno, perché tende la trappola e poi si nasconde.
E’ quella dell’armiamoci e partite, o per dirla con un eufemismo è quella del ti voglio bene ma ti spedisco nel profondo dei meandri del tuo corpo (dicesi anche culo).

La G.C c’è sempre stata, così come il mestiere di puttana. Le puttane sono maestre di vita per la Gente Corrotta; mentre le prime vendono il proprio corpo, la Gente Corrotta svende il proprio cervello (in qualche caso anche altri pertugi).
La Gente Corrotta si riempie la bocca di grandi parole, discorre di valori e principi, ma non esiterebbe un secondo a vendere anche la propria madre pur di guadagnare la giusta ricompensa.

Predica bene e razzola sempre male. Cerca di farti sentire un inutile prodotto di scarto, ma, in realtà, se respira a pieni polmoni, si accorge che la puzza pestilenziale di letame, viene direttamente dalla propria bocca.

Il racconto è tratto dal mio libro: “Gente di un certo (dis)livello, manuale di sopravvivenza nella giungla metropolitana”, Marco Del Bucchia Editore, se vuoi leggerlo tutto, eccoti il link giusto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...